Un ristorante autentico e raffinato nel sud della Corsica

capre 01

Una cucina fatta di tipicità locali!

Gusto! Gusto e colori! Un'infinità di colori! E poi anche profumi. Che risvegliano i sensi assopiti. Sapori che stuzzicano le papille e esaltano il palato. Sì, la Corsica è tutto questo. La Corsica è fatta di stagioni con profumi diversi. Di erbe aromatiche, di carne e pesce teneri, di verdure e frutti succosi, di vini corposi. La Corsica è fatta di allevatori e agricoltori rispettosi, coscienziosi e certificati che fanno di noi – e di te! – veri e propri locavori. Il nostro orto e il nostro pollaio dimostrano tutto l'impegno che ci assumiamo nei confronti di una terra fertile come la Corsica. Un impegno che possiamo definire militante. Perché sotto questo aspetto la nostra regione offre autentiche prelibatezze. È una carezza, delicata come i dolci di Marianne. È un piacere, voluttuoso come i vini selezionati da Vanessa. È un incanto la cui quintessenza è tutta nella cucina ingegnosa e raffinata del nostro chef Gadio El Hadji.

Maestro Ristoratore
Chef U Capu Biancu 02

Presentazione degli chef

Gadio El Hadji, una cucina "metà nera, metà bianca, ma tutta fatta col cuore"

La cucina di Gadio? Un intero paese! Né più, né meno! Un paese che però non è né il Senegal, paese natale dello chef, né la Francia, dove si è perfezionato. Né tanto meno la Corsica, anche se è qui che vive da ormai vent'anni. No, si tratta di un paese ignoto, frutto di un melting pot di sapori universali. Si tratta del… mondo!

L'uomo segue sempre un'unica ricetta, quella dell'istinto e del cuore, che gli detta abbinamenti e proporzioni. Che lo spinge a provare, a innovare, a creare. Certo, questa ricetta è pur sempre basata sull'esperienza. Innanzitutto quella di un bambino, che gironzolava volentieri attorno alla "sottana" della mamma quando questa era in cucina. Poi quella di un allievo, che compie gli studi prima a Dakar e poi a Parigi. Poi ancora quella di un commis, indaffarato a imparare dai suoi pari come si impara da un padre. Assorto a osservare qualsiasi movimento, qualsiasi esperimento. E infine quella di uno chef messosi in mostra nel nostro hotel 4 stelle a Bonifacio. <br /> Eppure, diciannove anni fa, abbiamo dovuto trovarne di argomenti per convincerlo a infilarsi il cappello da cuoco e prendere le redini del nostro ristorante gastronomico! "Ero troppo giovane, – ci confida. – Troppo giovane per lasciar perdere i divertimenti, le serate e gli amici. Troppo giovane per assumermi delle responsabilità tanto grandi, anche se sapevo già dirigere una brigata e gestire una cucina!" E poi invece l'ha fatto. In modo naturale. E oggi i nostri fornelli hanno l'odore buono delle spezie e degli aromi. Esaltano i profumi esotici e i sapori d'eccezione. Partoriscono piatti preziosi e raffinati che portano tutti, siano essi serviti al ristorante o alla Paillote, il marchio di fabbrica di Gadio El Hadji.